biografia

1918

Domenico Rotella nasce a Catanzaro il 7 ottobre.

 

1941-1944

Si trasferisce a Napoli e studia presso l’Accademia di Belle Arti dove ottiene il diploma nel 1944.

 

1945-1950

Nel 1945 si stabilisce a Roma, e lavora presso il Ministero delle Poste e Telecomunicazioni come disegnatore. A Roma dipinge quadri figurativi e astratto-geometrici. Nel 1949 scrive il Manifesto della poesia epistaltica: i poemi epistaltici da lui composti si basano su un insieme di fonemi di sua invenzione e suoni onomatopeici evocativi. Partecipa al “Salon des Réalités Nouvelles” a Parigi e prende parte alla “III Mostra Annuale dell’Art Club” di Roma.
Nel 1951 Rotella partecipa alla mostra “Arte astratta e concreta in Italia - 1951” a Roma.

 

1951-1952

Tiene la sua prima mostra personale alla Galleria Chiurazzi a Roma.
Ottiene una borsa di studio dalla Fulbright Foundation, grazie alla borsa si reca all’università di Kansas City (Missouri), dapprima come studente e dopo come artist in residence. Per l'occasione realizza un pannello murale per l’università, nella sala della facoltà di Geologia. Espone una serie di quadri alla Rockhill Nelson Gallery di Kansas City e realizza una performance alla Harvard University di Boston. In agosto ritorna in Italia e si stabilisce a Roma in un atelier vicino a Piazza del Popolo.

 

1953-1954

Tornato a Roma, Rotella attraversa un periodo di crisi, durante il quale interrompe la propria ricerca, mentre continua a comporre poesia fonetica o epistaltica. Comincia a comporre delle opere su tela su cui applica parti delle carte lacerate che strappa dai manifesti pubblicitari per la strada: nasce il décollage. 

 

1955

Espone per la prima volta a Roma i “manifesti lacerati” nella mostra “Sette pittori sul Tevere”, presso le Zattere del Ciriola a Roma e nella personale presso la Galleria del Naviglio a Milano, dove partecipa anche al “Premio Graziano 1955”.

 

1956

Partecipa all’esposizione collettiva “Dorazio, Perilli, Rotella, Sanfilippo, Fasola” presso la Galleria Selecta di Roma.